Giovedì, 29 Ottobre 2020 18:49

IL mio ottobre

Scritto da
Vota questo articolo
(3 Voti)
Il mio ottobre Il mio ottobre MagicMoon

Ogni anno torna puntuale ottobre e, come ogni anno, il suo fascino suscita in me lo stesso sentimento: ottobre non mi delude mai.

 

 Questo è un anno diverso, un anno che sta togliendo, invece di dare, ad ognuno di noi un pezzetto della nostra vita delle nostre speranze e dei nostri sogni.

Il motto di non doversi arrendere mai sembra non avere alcun effetto negli accadimenti dell’ultimo anno, tutto questo, troppo per me, mi riporta a tornare indietro negli anni, quando, un po’ costretta, un po’ per timore, restavo lontano dal mondo, e quel stare lontano mi ha portato in un mio mondo, composto solo della mia stanza e di una finestra sul mondo esterno, che mi ha dato tanto, mi ha fatto conoscere tanto e mi ha fatto diventare ciò che ora sono   ed allora forse spesso è giusto restare lontani dal mondo per riscoprire il mondo.

Le cose cambiano, è qualcosa che non può essere determinato o progettato, accade e succede senza preavviso così di colpo come un’onda violenta su uno scoglio. Ciò che sta accadendo ora ci cambierà e opporsi non migliorerà o risolverà nulla.

L’uomo è nato con la capacità di cambiare e di adattarsi al mondo e riesce a farlo in modo veloce perfettamente in simbiosi con la natura, ma l’essersi troppo distaccati dal vero significato del perché viviamo sulla terra, ci fa comportare come se ne fossimo i padroni.

Ciò che ho vissuto nel passato oggi invece mi sta tornando utile, mi aiuta ad affrontare questo distanziamento sociale, e riscoprire il gusto della casa, della tradizione, dei pomeriggi a casa  a fare biscotti o a cucire pezze, un po’ come allora cercavo di ricucire me, cose che si sono perse e vengono classificate come fuori moda, ed invece è esattamente l’ ingrediente vincente per affrontare questo nuovo cambiamento cambiando a sua volta e ritrovando parte di ciò che si è perso a causa del fremissimo moderno e di tutto a tutti i costi.

Pensate a quando siamo fortunati oggi, poter restare a casa a svolgere il nostro lavoro gustarci l ‘odore dei biscotti appena sformati e fare acquisti su Amazon, magari mentre il robot pulisce casa, abbiamo la fortuna di unire la tradizione e il calore di casa con ciò che lo sviluppo tecnologico ha realizzato per migliorare la vita di noi umani e poi in fin dei conti è più cozy cool  prendere un aperitivo a casa al caldo di un plaid e le lucine soffuse  comodamente sul nostro divano  dove poter parlare con chi si ama invece di  un luogo affollato.

Questo cambiamento ci sta donando la possibilità di rivalutare i nostri spazi, di dedicarci alle persone che davvero contano, a impiegare il tempo in cose che ci elevano. Il modo per riuscire ad abituarci a questo nuovo modo di vivere è cambiare con esso riscoprendo tutto ciò che il sistema e la società ci ha imposto di dimenticare per essere multi-skin e contemporaneamente tutti uguali.

Quest’Ottobre ormai giunto al termine forse più degli altri lo ricorderemo e non solo per i locali chiusi alle 18:00 ma probabilmente per i pomeriggi in casa come si faceva da piccoli, con il sottofondo dei programmi in tv e la mamma in cucina a preparare la cena, questo è ciò che io mi ricorderò, il ritrovamento di un calore casalingo il tè nel pomeriggio, l’odore della cucina e la tv in sottofondo, un’atmosfera che avevo perduto per far posto alla fredda e frenetica atmosfera da ufficio.

Informazioni aggiuntive

  • Consigliato:
Letto 231 volte Ultima modifica il Giovedì, 29 Ottobre 2020 19:03

Share

Altro in questa categoria: « Halloween 2020 Perché visitare Londra »

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.